+393667552781
Via Michele La Spina, 38
Acireale
Lunedì - Sabato 09:00 - 20:00
Previo appuntamento
Chiama
Invia un messaggio
Dove Siamo

Elettro Terapia

L'elettroterapia consiste nell'applicazione locale di impulsi elettrici alternati al fine di ottenere un effetto terapeutico sul dolore, sulla forza o fatica muscolare.

CLASSIFICAZIONE DELLE ELETROTERAPIE

Le elettroterapie ad oggi più utilizzate sono le terapie a corrente alternata e consistono in:

  • TENS o elettrostimolazione nervosa transcutanea
  • Correnti DIADINAMICHE
  • ELETTROSTIMOLAZIONE ECCITOMOTORIA (COMPEX)

TENS

La terapia TENS si basa sull’applicazione, per mezzo di elettrodi, di correnti appropriate i cui micro impulsi (quindi a bassa frequenza), i quali eccitano le fibre nervose della sensibilità tattile situate sotto la cute.

Gli elettrodi vengono posizionati a livello della zona dolorosa e ricoprono la maggior estensione possibile di cute della zona interessata.

La TENS ha un effetto antalgico attraverso la stimolazione selettiva dei nervi periferici da parte di impulsi elettrici.

La TENS è indicata per chi soffre di dolori al rachide (schiena), per le nevralgie post-erpetiche, per l’artrite reumatoide, artrosi e, in alcuni casi, per pazienti che hanno subito interventi chirurgici.

La terapia TENS è controindicata per i pazienti portatori di pace-maker, in gravidanza, per la stimolazione peri-cardiaca e in caso di qualsiasi allergia accertata alla corrente o agli specifici materiali di cui sono composti gli elettrodi.

Correnti Diadinamiche

Le Correnti Diadinamiche consistono in onde elettriche con impulsi unidirezionali e sempre positive. Esistono diverse combinazioni di impulsi, i quali danno origine a diverse correnti:

  • corrente monofase
  • corrente bifase
  • corrente a corto periodo
  • corrente a lungo periodo
  • corrente sincopata

Gli effetti terapeutici delle correnti diadinamiche sono analgesico( quindi sul dolore), trofico ed eccitomotorio.
La terapia con correnti diadinamiche viene eseguita tramite due elettrodi a grandezze diverse in base all’area che si vuole  trattare, in cui viene posizionato l’elettrodo attivo (in corrispondenza del maggior dolore) mentre l’altro elettrodo viene posizionato nelle vicinanze. Le correnti diadinamiche sono regolate in base alle sensazioni del paziente che segnala la soglia di percezione dello stimolo e della soglia del dolore.

Le correnti diadinamiche sono indicate nelle tendiniti (gomito, polso, spalle, ginocchio e caviglia), nei postumi dolorosi di traumi articolari, nelle artropatie acute e croniche e nelle algie muscolari.
Sono controindicate per i pazienti portatori di pace-maker, nella gravidanza, per la stimolazione peri-cardiaca e qualsiasi allergia accertata alla corrente o agli specifici materiali di cui sono composti gli elettrodi.

Elettrostimolazione eccitomotoria

L’elettrostimolazione eccitomotoria (COMPEX) è utilizzabile sia nei casi di infortunio e forzata immobilità (quindi laddove una temporanea immobilizzazione di un’articolazione potrebbe portare ad un deficit muscolare), sia per aiutare i pazienti o gli atleti a recuperare da un infortunio, per prevenire lo stesso o per aiutare a rinforzare i distretti muscolari più deboli.
Nello sport quindi è utilizzata principalmente per:

  • potenziamento muscolare, come supporto durante il recupero post-infortunio o post-intervento
  • defaticamento muscolare, aiutando il recupero dopo gare impegnative
  • prevenzione degli infortuni, aiutando il normale metabolismo muscolare

Le Correnti ad azione eccitomotoria sono:

  • RETTANGOLARE
  • ESPONENZIALE
  • FARADICA
  • di KOTZ

IN QUANTO TEMPO RIUSCIRO A GUARIRE?

Essendo, i programmi fisioterapici molto mirati e specifici, non è possibile identificare a priori quante sedute siano necessarie perché è facile intuire che ogni problema è diverso dall’altro

Si consiglia di rivolgersi al fisioterapista competente per:

  • ridurre i tempi di recupero dal dolore attraverso tecniche manuali quali, mobilizzazioni, manipolazioni, massaggi etc.;
  • migliorare le posture viziate che si possono mantenere con il lavoro o correggere i movimenti errati durante un gesto atletico negli sportivi;
  • prevenire l’insorgenza di nuovi episodi attraverso la formulazione di un programma di esercizi specifico.

Richiedi un'appuntamento

CONSULENZA E VALUTAZIONE INIZIALE GRATUITA

Emmè Web Agency